Ridi vivi ama

Blog personale sul mio modo di vivere serenamente, felicità, viaggio interiore, armonia

Ridi. Vivi. Ama.

Il primo post è sempre il più difficile, tutti hanno grandi aspettative (che poi, tutti chi dal momento che solo io conosco questo blog per ora?).

Ricominciamo.

Il primo post è sempre il più difficile perchè l’autore ha grandi aspettative.

Solitamente si elencano i motivi per cui seguire o non seguire un blog, altri presentano i contenuti, altri ancora arrabattano parole a caso perchè non hanno la più pallida idea di come iniziare.

Ed è quello che sto’ facendo io, dopo settimane a scervellarmi, (o va a finire che non lo faccio più, lo rimpiango e torna la solita tiritera infinita di passi mai “camminati” che ti tengono fisso dove sei) apro questo blog scegliendo la parola onestà.

Voglio essere onesta e dirti che odio le etichette e, se ci pensi bene, oggi tutto e’ un’etichetta…quante volte per descriverci usiamo una marea di aggettivi che dicono tutto di ciò che facciamo, ma nulla di chi siamo? E’ difficile rispondere ad una domanda apparentemente così semplice come “chi sei”.

Io, per esempio, mi sono descritta come “mamma, attivista e fotografa Felice”, ma in fondo ti sto’ dicendo cosa sono, cosa faccio e come mi sento. La verità è che è difficile se non sappiamo nemmeno noi chi siamo.

Io ancora non l’ho capito.

Iniziamo….dall’inizio!

Lo so, Ridi. Vivi. Ama. sembra la frase della pubblicità di quei biscotti che la famiglia allegra e vestita bene, mangia per colazione tra sorrisi e gentilezza di prima mattina…. o lo slogan di una compagnia di assicurazioni che ti invoglia a goderti la vita che tanto ci sono loro a farti da angeli custodi oppure, ancora, di qualche guru del coaching che mira a venderti l’ennesimo viaggio interiore alla scoperta di te e del tuo potenziale marketing per poter essere ricco sfondato, applaudito dai colleghi e farti un selfie a Dubai per poi aprirti una pagina facebook e sponsorizzare a persone di cui non frega una mazza.

No, qui non ti vendo nulla di tutto ciò!

Ti è mai successo di guardare il mare, fissare un punto all’orizzonte e dire “è questo il modo in cui vorrei scappare, andando avanti, sempre avanti, senza mai arrivare”

Tra i tanti sogni che per ora sono nel cassetto (o nella mia scatola – te ne parlerò poi perchè è una cosa davvero figa, promesso!) ho quello di andare a Bali e fermarmi nella contemplazione e nell’ascetismo per un certo periodo di tempo. Per ora è un sogno, al momento giusto lo vivrò. Ho sempre pensato che non avrei mai potuto trovare la pace restando qui, in un piccolo paesino per nulla esotico se non per il clima estivo dovuto al riscaldamento globale e alla piantagione di avocado che da un anno occupa la mia mansarda.

Nell’ultimo anno ho fatto tante cose che mi hanno portata lontano da casa per periodi più o meno lunghi e, senza andare dall’altra parte del mondo, ho imparato che puoi scappare, puoi fuggire ovunque, puoi nasconderti, ma ciò che sei verrà comunque a cercarti.

E giuro che avevo provato a nascondermi bene.

Non ho avuto scelta, mi sono perdonata e ho fatto pace con me stessa.

Uno dei miei film preferiti è “mangia, prega, ama” tratto dal libro di Elizabeth Gilbert: lo riguardo ogni volta che mi sento un po’ persa. Mi ritrovo quasi completamente nella protagonista e, anche se ormai lo conosco a memoria, ogni volta mi da’ quella motivazione che ho bisogno. Mi fa sentire compresa.

Così ho preso spunto per trovare un nome basandomi su ciò che mi ha ispirata nella mia leggenda personale.

Ridi – sorridere con le labbra quando ti senti triste è un esercizio che mi fu consigliato tanti anni fa… ai tempi lo considerai una cazzata pazzesca, poi mi sono ricreduta. E diciamolo, siamo tutti più belli quando sorridiamo!

Vivi – la più grande lezione che abbia mai ricevuto in vita mia: trarre il meglio, la lezione positiva, anche dal momento più schifoso che stiamo vivendo. E vi garantisco che a furia di provare, con uno sforzo inizialmente non indifferente, la vita cambia completamente mostrando un mondo completamente nuovo, pieno di sfumature che non sapevamo nemmeno esistessero.

Ama – un sacerdote disse che amare è una parola bellissima perchè significa “andare oltre la morte”….non ho mai trovato in realtà un riscontro, ma poco importa; vivere con amore è meraviglioso, ma per farlo, c’è un presupposto fondamentalre: amare se’ stessi.

Se ti è piaciuto questo primo articolo, condividilo e continua a seguirmi, mi trovi anche su instagram!

A presto!

Credits: Image Designed by rawpixel.com / Freepik

2 pensieri su “Ridi. Vivi. Ama.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Torna in alto